UNA DONNA INSOSPETTABILE 1parte

UNA DONNA INSOSPETTABILE 1parte

lo apprezza, lo stringe…. Si abbassò e me lo prese in bocca. Ho quasi sessant’anni, alla mia età gli “amici” sono disponibili solo per cenare insieme o, magari, per parlare di cani e di caccia. La cosa più assurda di tutte era il periodo. Con la stessa naturalezza che mi ha portato a stringere tra le mani il grande cazzo ora muovevo la mia lingua intorno alla punta del cazzo , roteavo la lingua lentamente come quando , con golosità , avevo leccato uno dei rari gelati assaggiati . mi dava sempre quel pizzicotto con bacetto sulla guancia…. A centinaia di chilometri dalle nostre esistenze, impegnati a fotterci fino allo stremo per sentire che finalmente tutto quello che era nato chattando su uno stupido sito web era il nostro momentaneo presente. . Qualche paio di calze, un perizoma rosso e anche una mutandina, con due spacchi, aperta sotto.   Fuori dalla roulotte , allontanandomi  verso la campagna , la mano di Olga non mi lasciava . Passai la sua pianta sulla mia guancia , poi sulla fronte , mi fa morire la sensazione di appiccicume della sua pianta sudata , è un qualcosa che non so spiegarvi . Finita la punizione le dissi adesso vuoi mettere le tette in faccia a quel cornuto di tuo marito, alla fine anche se si vedeva chiaramente dal viso che la cosa la trovava ributtante cominciò a farlo, le ordinai poi di strusciare le tette sul pisellino del marito, solo per poco tempo quel tanto per provocarlo ed eccitarti, ma senza farlo godere e lasciandogli il cazzo sofferentemente, duro eccitato dentro la gabbietta senza nessuna possibilità di esplodere e godere. Nonostante le foto non ritraggano niente d’interessante, c’è qualcosa che non quadra… Non me la sento di metterle via … qualcosa mi dice che in quelle immagini c’è un che di stonato, un segnale, che mi sfugge … per vedere meglio me le porto in cucina, alla luce. I trucchi sono state le cose più difficili da usare , lentamente con pazienza osservando le donne ho capito cosa e come usarlo .   Sempre abbracciandomi mi ha riportato vicino al letto , mi ha accarezzato cercando di farmi rilassare , mi sussurrava nelle orecchie  qualcosa che il tono della voce mi diceva erano parole di amore e lentamente , senza alcuna fretta le sue dita hanno preso possesso del mio ano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *