La nonna a letto succhia un bel cazzone

La nonna a letto succhia un bel cazzone

Lui si muoveva abilmente con le mani, sembrava non le poggiasse mai, ma allo stesso tempo che la tenesse bloccata, in piedi, leggermente protesa in avanti, come se aspettasse. “A quel punto ho sentito che AVEVO VOGLIA di inghiottire!” e qui Chiara abbassa lo sguardo e tace. per far scorrere la mano senza creare attrito. Voglio venirci ancora … – disse la giovane. Ma avere il cazzo di Marco, vivo e presente, a portata di mano le diede una sensazione nuova ed eccitante. . Alla fine rimaniamo soli, io e Chiara. così la giovane, seguendo il suo corpo con le dita, ebbe l’occasione di esplorare tutta la sua carne, fino ai piedi nudi e caldi che tante volte aveva desiderato baciare. L’avevo intuito: quell’uomo, con il suo garbo, l’aveva messa a proprio agio. . – E così dicendo . Nicòle guardava estasiata, attratta soprattutto dalla vista di un cazzo vero e di notevoli dimensioni che passava da una donna all’altra. La voce della Fata di Ferro arrivò pacata, ma decisa . Automaticamente la donna iniziò ad accarezzarsela, stropicciandosi il clitoride in mezzo alla peluria marroncina, ma quasi immediatamente si trattenne e riportò la mano sullo schienale dell’autista, quasi le fosse venuta in quel momento un’idea migliore. Il mio pene era ancora molle e penzolava tra le gambe. . La condusse al centro della stanzetta, facendole cenno di inginocchiarsi. Chiara riceve lo schizzo ad occhi chiusi poi, quando l’uomo si ritrae, sputa lo sperma di lato. Ora il silenzio è generale, tutti aspettano il triplice schizzo sul volto della ragazza, Chiara assiste inorridita, immobile, le mani in grembo, non piange più, il suo sguardo va da uno all’altro dei tre uccelli che stanno per eruttare su di lei, poi si sposta sulla folla degli uomini assiepati che assistono, desiderosi di prendersi anch’essi la loro dose di piacere con lei. D’un tratto si ferma, prende delle salviettine e deterge il viso e il collo di Chiara della saliva che è colata su di lei, poi, con estrema dolcezza, si siede sul sedile di destra e se la pone in braccio, penetrandole la vagina a fondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *